Album fotografico del sesso fatto in casa

Fred De Palma - Il cielo guarda te (Official Video)

Sesso dirige animali

Apparse il suo nome. Questa si che é telepatia! Decisi di ascoltare la sua richiesta. Perché a tutti piace essere guardati, ammirati, ricevere complimenti.

Tu non hai mai fatto con i tuoi amici, con i tuoi colleghi, apprezzamenti sessuali su una qualche ragazza attraente che ti é passata davanti?

Qualcosa tipo, cosa gli farei a quel culetto? Io quelle tette Album fotografico del sesso fatto in casa riempirei di sborra e cosí via? Modesta come sempre pensai e comunque non aveva tutti i torti, anche io in fondo avevo fatto Album fotografico del sesso fatto in casa stesso prima ancora di conoscerle.

Io ne Album fotografico del sesso fatto in casa qualcosa. Ovviamente alla fine ho accettato, ma ad alcune condizioni. Dovevamo Album fotografico del sesso fatto in casa in almeno due giornate libere, magari in un fine settimana in qualche agriturismo. Serviva tempo per cercare posti e situazioni particolari. Ci organizzammo, prendemmo entrambi le ferie e prenotammo una piccola casetta vicino al mare. Roba economica, in fondo era pur sempre la costa Laziale e non la Sicilia o la Sardegna. Tempo 3 settimane e tutto era organizzato.

Passai a prenderla un Venerdi nel tardo pomeriggio, in modo tale che avessimo 2 giorni pieni per noi. Sono sotto casa sua, arriva Lei con una piccola valigia, il minimo sindacale per avere un cambio, gliela metto nel portabagagli.

Non posso non notare i vestiti pochi che indossa: micro gonnellina se la poteva permettere e canottiera aderente si poteva permettere pure quella. Poi saliamo in auto, prima io e successivamente Lei. Noto che non porta le mutandine e la sua fica pelosa mi blocca qualche secondo, non riesco a non fissarla: che ci posso fare?

Ed intanto continuava a tenere bloccata la mia mano sulla sua fica. Il Week End prometteva bene. Siamo nella nostra stanza. Ci rinfreschiamo un pó. Roberta mi chiede che facciamo, gli rispondo quello per cui eravamo venuti.

Cosí inizio a dargli istruzioni, gli dico di togliersi il reggiseno e di rimanere solo con la canottiera. Proposta accettata. Inizio a shittare le prime foto. La faccio mettere sul letto, a faccia in su, con le gambe leggermente divaricate e la gonna che copriva in parte la sua fica. Risultato: vedo non vedo. Sai quante seghe gli ammiratori si sarebbero fatte, io per primo volevo metterglielo in mano e dare alle mie palle una prima svuotata.

Foto, Foto ed ancora Foto. Gliele feci dai suoi piedi in su. Si vedevano le sue Album fotografico del sesso fatto in casa gambe, un pó di pelo ed in lontananza un promontorio, le sue grosse tette.

Album fotografico del sesso fatto in casa qualche shitto, le feci togliere tutto. Stesse foto, ma stavolta a gambe completamente divaricate. Gli chiesi di masturbarsi cercando di non venire, le foto con la fica bagnata le avrei fatte dopo.

Lo scopo di eccitarla toccandosi, era di far venire fuori le grandi labbra per delle foto con primi piani della sua fica. Poi continuammo in bagno. Altre foto con Album fotografico del sesso fatto in casa a gambe aperte nella vasca. Intanto il sangue continuava a gonfiare le vene del mio pisello.

Mi domandavo come facevano i fotografi a lavorare con certe ragazze nude, senza poi svuotarsi. O forse lo facevano dopo a casa, da soli nel bagno. Ma qui dovevamo fare attenzione, qualcuno poteva vederci. Cercammo di essere cauti.

Il sole era alle mie spalle. Illuminava completamente la fica di Roberta, i raggi solari attraversavano i peli facendo vedere anche il suo spacco, si vedevano le grandi labbra aperte in due. Sembravano delle ventose. Senza muoversi da quella posizione, gli chiesi se poteva fare pipí. Risposta affermativa. Allora gli dissi di farlo, ma lentamente. Anche se la maggior parte la vedevo Album fotografico del sesso fatto in casa tra le sue gambe.

Svuotata la sua vescica, gli chiesi di tornare dalla nostra parte di balcone e di inginocchiarsi a gambe aperte sul suo stesso piscio. Ancora foto e zoom. Una volta in Rete, chiunque avesse uno schermo da almeno 20 pollici, avrebbe avuto la sensazione che gliele sbattesse in faccia. Tempo 3 minuti e schizzó fuori quel latte.

Andó da ogni parte, un pó finí per terra mescolandosi alla pipí, altro mi arrivó addosso per poi colpire anche il mirino della Reflex. Smisi di fare foto e Lei di toccarsi. Cercai di pulirla, nel frattempo pensavo che sarebbe stata una grandissima foto una volta riversata sul PC, quello schizzo fotografato in diretta.

Intanto Roberta tornó dal nostro lato del balcone. Per poco non cadde poggiando il piede su quel lago, scivolando sulla sua stessa pipi ed il latte delle sue tette: ci mancava solo che sborrassi e poi lí per terra potevi trovare ogni tipo di liquidi che il corpo umano poteva espellere.

Certo, come no, perché mentre io mi stó svuotando le palle penso a dove sputare il mio sperma! Un lungo schizzo di sborra venne fuori, non stavo venendo, era solo lo sperma incanalato nel corridoio che venne fuori di riflesso. La feci sdraiare a terra per fare nuove foto a gambe aperte. Stava Album fotografico del sesso fatto in casa fuori un gran album fotografico. Ormai cominciava a fare buio. Decisi di smettere, ma non prima di sfruttare la mia erezione ormai al limite, per fare le ultime foto in camera da letto.

Anzi, decisi di fare un video, poi da lí avrei estratto i migliori fotogrammi. La misi su un mobile e feci partire la registrazione, ci mettemmo sul letto e demmo inizio allo spettacolo per i futuri spettatori. Lei che mi leccava la cappella, io che la masturbavo con le mani in mezzo alla sua fica, poi di nuovo lei sopra che si metteva piano piano il mio pisello dentro di sé.

Tutto ad uso e consumo del futuro segaiolo. Tornó di nuovo sopra di me, vedevo il mio cazzo scomparire lentamente nella sua fica. Ma non dimenticavo lo scopo primario di quel Week End, il suo album. Cosí in quei pochissimi secondi di controllo che ancora avevo sul mio pisello, lo sfilai dalla sua fica e la misi Album fotografico del sesso fatto in casa al letto. Uno, Due, Tre… undici schizzi di crema bianca sopra di lei. Poi pulendomi il cazzo su quei pochi spazi di pelo vergine di sperma, presi la Reflex shittando le ultime foto della mia sborra su di lei.

Prima giornata terminata. Il giorno dopo e quello successivo, le facemmo tutte fuori. Ci furono gli shitti al Centro Commerciale, lei sulla panchina di turno a gambe divaricate ed io di fronte a pronto ad immortalare la sua fica. Le foto rubate nei luoghi pubblici, andavano alla grande nei siti per adulti. Ci fu quella al Supermercato, dove simulando di prendere un prodotto dagli scaffali bassi, lei si piegava alzando la gonna e lasciando scoperto quel gran bel culo abbronzato.

Oppure quella che ci facemmo insieme su un mezzo pubblico, ci mettemmo nella parte posteriore destra vicino ai vetri e gli feci prendere il mio pisello in mano mentre shittavo foto.

Gli feci foto in acqua e sulla spiaggia, Album fotografico del sesso fatto in casa la fica asciutta Album fotografico del sesso fatto in casa bagnata, con le tette pulite o piene di sabbia. Prese la mia Reflex e mi disse di rimanere in acqua perché voleva farmi una foto di profilo con il mio pisello in erezione con lo sfondo del mare.

E come tutte le lunghe masturbazioni, non poteva che finire in un solo modo: una lunga ed interminabile sborrata! Era facile per lei, non era stata due giorni a vedere uno spettacolo erotico con il pisello che esplodeva.

Si vedevano questi zampilli andare in aria e poi ricadere in acqua. Fino a quando, svuotate le palle completamente, il mio cazzo si ritiró sotto il mare dopo aver compiuto la sua missione.

Tornammo in albergo, la giornate e le ferie ormai erano terminate. Preparammo i bagagli e prendemmo la direzione di casa.

Un mese dopo le foto di Roberta erano in Rete su due siti per adulti maggiormente conosciuti. In meno di 48 ore raggiunse quasi ventimila visualizzazioni!. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Sito web. Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati nome, email, sito web per il prossimo commento. Lascia un commento Annulla risposta Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.